Poesie dialettali


...Gocce di Poesia...

a cura di Sandro Divano

 

foto G.Motta

Presentiamo, in questa pagina, una selezione di versi in dialetto ligure che, naturalmente, hanno come protagonisti i nostri amici alati.

Affinché tutti, oltre alla musicalità delle strofe, ne possano apprezzare il significato, le poesie sono corredate da una traduzione in lingua italiana.

 

 

 

Primavéra

(Dialetto ligure di Albenga)

 

A natüra ciancianìn
a se déscîa dau turpù
e in sci-i rammi d’in èrberu
in russcigneu u canta a sò felisitè,
ma u sò cantu
u l’è sulu pé chi u sa sentìlu.

 

Vincenzo Bolia

Primavera

 

 

La natura  lentamente
si risveglia dal torpore
e sopra i rami di un albero
l’usignolo canta la sua gioia,
ma il canto suo
è solo per chi lo sa ascoltare.

 

Foto Marco Esposito



 O roscignêu

 

Un boschettu de pioppi tutti noeli,
lucidi e stiggi a-o commensâ da stæ,
insémme confondeivan o feuggiamme.
O sô u vegniva zù trameso a-e ràmmme
comme attraverso un veddro de bottiggia,
e mi pensavo a n'oa a-o ciæo de lùnn-a
in sce-o fâ da mattin.
Quande in ta quiete sentu all'improvviso
poche note trillà limpide e vive
A luxe e l'aia insémme 'àn tremmòu;
s'è visto e feugge sbatte disperæ
comme ae de farfalle imprexionæ.
Coscì a mi me tremma o chêu
quande sentu sciù in te ràmmme
cantâ doçe o roscignêu.

 

Edoardo Firpo poeta

L'usignolo

 

Un boschetto di pioppi novelli
lucidi e snelli al cominciar dell'estate
insieme confondevano il fogliame.
Il sole filtrava tra i rami
come attraverso un vetro di bottiglia,
ed io pensavo ad un'ora al chiar di luna
sul far del mattino.
Quando nella quiete odo all'improvviso
poche note trillar limpide e vive.
La luce e l'aria insieme hanno tremato
si son viste le foglie sbatter disperate
come ali di farfalle imprigionate.
Così a me trema il cuore
quando odo tra i rami
cantar dolce l'usignolo.
 

 foto G.Motta


   

Incuntru

 

A rondaninn-a a calla zù in sce l'ægua
e a s'incontra con quella chi ven sciù
da-o çê da vasca;
un àttimo se tóccan e van via.

Unn-a a ritorna dove a nostra föa
a finisce sens'ombra e sensa fô,
l'ätra into paise a va dove l'ödô
di proei fiorii o dùa sensa fin
e l'öa a trilla eterna in sciâ mattin.

A galla resta un zeugo de çercetti
che se ne van a-i òrli ciancianin.

 

Edoardo Firpo poeta

Incontro
 

La rondine si cala sull'acqua
e s'incontra con l'altra che risale
dal cielo della vasca;
un attimo: si toccano e dileguano.

Una ritorna dove la nostra fiaba
finisce senz'ombra e senza rumore,
l'altra va nel paese dove l'odore
dei prati fioriti dura senza fine
e l'ora trilla eterna sul mattino.
 
A galla rimane un gioco di cerchietti
che se ne vanno agli orli lentamente.

 

foto G.Motta


 Testaneigra


Tûtte e mattin, appenn-a spunta giurnu,
sentu ûnna testaneigra sciû inti rammi
ch'a se desgosezza meludiuza
sûnnandu ûn so floutin límpidu e nettu
cuscí che se e so notte
fûsan perlinn-e o prie de rûbin
che ghe cazzessan tûtte dau becchettu
truvieivu inghirlandou tûttu u giardin.

 

 

Edoardo Firpo poeta

 Capinera

 

Tutte le mattine appena spunta il giorno
sento una capinera sù tra i rami
che gorgheggia melodiosa
suonando un suo flautino limpido e chiaro
così che se le sue note
fossero perline o pietre di rubino
che le cadessero tutte dal beccuccio
troverei inghirlandato tutto il giardino.

 

 

foto C. de Francesco


L'öchin

 


Ecco, pe-a fosca marinn-a
un'atra onda a s'avansa;
a gonfia, a s'addrissa, a s'inarca
comme unna chiggia de barca,
pâ che a se-o veugge aberâ.

Ma lê, tranquillo e beato
con a caressa de ae
o te ghe scuggia de dato.

Poesse fâ comme l'öchin,
pe ogni onda che arriva
arsame sempre un pittin.

 

 

Edoardo Firpo poeta

Il gabbiano
 

 

Ecco sulla fosca marina
un'altra onda si avanza;
si gonfia, si erge, s'inarca
come una chiglia di barca,
e pare che voglia ghermirlo.

Ma lui, tranquillo e beato
con la carezza delle ali
le scivola sopra.

Potessi fare come il gabbiano,
per onda che arriva
alzarmi sempre un pochino.

 

 

foto P.Bolla

 


 

  

A vitta

 


Gh ò domandòu a un veggettin de l'Antoa
ch'o faxeva a guardia a-e pegoe:
- Comme o se ciamma quest'oxellin ch' u canta?
- A l'è a laudrinn-a a l'è,
a fa o seu nïo in tæra, a s'arsa e a canta.

 

 

 

Edoardo Firpo poeta

La vita
(l'Allodola)

 

Ho domandato ad un vecchietto dell'Antola
che custodiva le pecore:
- Come si chiama quell'uccellino che canta?
- E' l'allodola,
che fa il suo nido in terra, si alza e canta.
 

 

 

foto D.Papi